<a href="http://www.geopolitica-rivista.org/25450/gli-attacchi-di-boko-haram-e-il-fragile-contesto-nigeriano/"><b>Gli attacchi di Boko Haram e il fragile contesto nigeriano</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/25531/europa-e-america-latina-come-usare-il-semestre-di-presidenza-ue-dellitalia-il-5-maggio-alla-camera/"><b>Europa e America Latina. Come usare il semestre di presidenza UE dell’Italia. Il 5 maggio alla Camera</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/25525/lezioni-di-metodo-geografico-e-geopolitico-studiare-le-minoranze-il-5-maggio-in-sapienza/"><b>Lezioni di metodo geografico e geopolitico: Studiare le minoranze: il 5 maggio in Sapienza</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/25493/la-russia-e-il-mediterraneo-storia-cultura-geopolitica-il-28-aprile-a-palermo/"><b>La Russia e il Mediterraneo: storia, cultura, geopolitica. Il 28 aprile a Palermo</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/24921/asia-pacifico-un-nuovo-pivot/"><b>Asia Pacifico: un nuovo pivot</b></a>
 

L’Egitto alle prese con il suo passato

19/09/2013 Fabiana Urbani Vicino & Medio Oriente 0 commentI
L’Egitto alle prese con il suo passato Dopo aver deposto il Presidente Morsi lo scorso 3 luglio, i militari detengono de facto il potere in Egitto attraverso il Generale el-Sisi. Essi hanno cavalcato l’ondata di malcontento popolare, generata dall’incapacità della Fratellanza Musulmana di dare risposte concrete alle esigenze del popolo – lavoro, sicurezza, diritti civili – per riprendere le redini del potere. Il “nuovo corso” del Cairo è ora pieno di incognite, legate agli interessi dell’Esercito, all’instabilità interna e alla delicata situazione

La contro-rivoluzione in Egitto e le sue ripercussioni sul Medio Oriente

14/08/2013 Ernest Sultanov Opinioni & Commenti Un commento
La contro-rivoluzione in Egitto e le sue ripercussioni sul Medio Oriente L’Egitto è la chiave di lettura dei cambiamenti nel Medio Oriente. Si tratta non soltanto del Paese arabo più popolato dell’area, ma anche di quello più progredito dal punto di vista dello statalismo. A differenza dagli altri Paesi della zona che divennero autonomi nel corso del Novecento, l’Egitto conobbe l’esperienza dello Stato già nei primi dell’Ottocento. A metà del secolo passato, con il Presidente Nasser, per un certo periodo il Cairo rimase il centro dell’integrazione

L’Egitto delle finte rivoluzioni

14/07/2013 Daniele Scalea Opinioni & Commenti 3 commenti
L’Egitto delle finte rivoluzioni Il 3 luglio 2013 Muḥammad Mursī, presidente dell’Egitto – ossia il principale paese interessato dal fenomeno noto come “Primavera Araba” – è stato destituito dalle Forze Armate, le quali – appoggiandosi a proteste di piazza organizzate dall’opposizione – hanno sospeso la Costituzione e nominato un governo ad interim. Fin da subito, prima ancora cioè che i sostenitori del presidente eletto scendessero in piazza, i militari hanno preso misure repressive verso la Fratellanza Musulmana, il Partito

I salafiti in ascesa nell’Egitto del golpe laico

11/07/2013 Vincenzo Maddaloni Opinioni & Commenti 5 commenti
I salafiti in ascesa nell’Egitto del golpe laico L’unico segnale positivo per la transizione è stato il via libera dei salafiti del partito al-Nour (il secondo movimento islamista egiziano più importante dopo la Fratellanza Musulmana) alla designazione dell’ex ministro delle Finanze Samir Radwan come premier ad interim. Evidentemente questa approvazione appare come una sorta di segnale dell’inizio di una nuova strategia di al-Nour, perché fino all’altro ieri i Salafiti avevano fermato tutto. Dopo aver appoggiato la destituzione di Mohamed Morsi, si erano opposti

L’Egitto e l’equilibrio strategico

19/01/2013 George Friedman Vicino & Medio Oriente 0 commentI
L’Egitto e l’equilibrio strategico Subito dopo la dichiarazione del cessate il fuoco a Gaza, l’Egitto è precipitato in una grave crisi interna. Mohammed Morsi, eletto presidente dopo la caduta di Hosni Mubarak, ha approvato un decreto che in sostanza limiterebbe il potere giudiziario ponendo le facoltà dell’esecutivo al di sopra della Corte suprema e ha inoltre proposto di apportare cambiamenti alla costituzione volti a istituzionalizzare il potere dei Fratelli Musulmani. Il decreto ha provocato l’avvio di imponenti manifestazioni da

La Turchia e la Primavera Araba: una analisi del soft power turco

07/01/2013 Antonio Cocco Vicino & Medio Oriente 0 commentI
La Turchia e la Primavera Araba: una analisi del soft power turco La diffusione dei movimenti di protesta contro i regimi autoritari del Nord Africa e del Vicino e Medio Oriente ha creato nuovi spazi per il dispiegarsi dell’influenza turca nella regione. I partiti politici saliti al potere dopo la cacciata dei tiranni hanno cercato una piena legittimazione internazionale annunciando come il loro modello sarebbe stata la Turchia, indicata come felice esempio di conservatorismo, capitalismo e partecipazione democratica. Ankara ha così guadagnato una forte presa sulle società

I 10 maggiori eventi di politica internazionale del 2012

31/12/2012 Redazione Geopolitica & Teoria 0 commentI
I 10 maggiori eventi di politica internazionale del 2012 Si chiude quest’oggi il 2012 e la redazione di “Geopolitica” vuole riassumerlo in dieci avvenimenti di politica internazionale; dieci avvenimenti che si sono distinti non tanto o non solo per la loro importanza in sé, quanto per le dinamiche di più lungo periodo che soggiaciono ad essi. Eccoli di seguito, in ordine inverso d’importanza dal decimo al primo. Siete d’accordo con le nostre scelte? Fateci sapere la vostra opinione aggiungendo i vostri commenti in basso

Gheddafi attraverso i suoi scritti

27/10/2012 Giordano Merlicco Vicino & Medio Oriente 4 commenti
Gheddafi attraverso i suoi scritti Comprendere Muhammar Gheddafi non era certo compito facile, sia per la complessità del personaggio, sia perché nel corso della sua vita egli ha attraversato diverse fasi personali e politiche. A un anno dalla sua morte nel mondo si registrano varie opinioni sul suo conto e non mancano quelle positive, soprattutto in Africa1. Tuttavia, in Europa e negli Stati Uniti il Colonnello non ha mai goduto di buona fama e la sua immagine è stata abitualmente

Il riposizionamento di Hamas di fronte alla “Primavera Araba”

10/09/2012 Federico Donelli Vicino & Medio Oriente 0 commentI
Il riposizionamento di Hamas di fronte alla “Primavera Araba” Negli scorsi mesi diversi analisti avevano considerato come l’attuale situazione siriana, con una eventuale caduta del regime guidato da Bashar al-Asad, rappresentasse un duro colpo all’ Iran e indirettamente ai suoi alleati più stretti come Hezbollah ma anche Hamas. Tuttavia, i recenti sviluppi nell’intera regione (oltre alla Siria anche in Giordania ed Egitto) stanno dimostrando come l’organizzazione palestinese Hamas non solo sia in grado di superare indenne un cambio di regime in Siria, ma abbia

L’agosto egiziano. La tensione che cresce tra Cairo, Gaza, Tel Aviv e Tehran

29/08/2012 Simone Massi Vicino & Medio Oriente Un commento
L’agosto egiziano. La tensione che cresce tra Cairo, Gaza, Tel Aviv e Tehran A poco più di un mese dalle elezioni, il presidente egiziano Muḥammad Morsi ha dimostrato di non essere una figura effimera, ma un protagonista politico del passaggio di potere nel paese. Nel frattempo Israele si prepara allo scontro, l’Iran si avvicina ai Fratelli Musulmani e la Striscia di Gaza è sempre più stretta nella morsa della fame. L’agosto egiziano La sera del 6 agosto cinque persone armate hanno provato ad entrare in Israele passando per