Europa: è la diversità tedesca che spaventa

04/06/2015 Vincenzo Maddaloni Opinioni & Commenti 0 commentI
Europa: è la diversità tedesca che spaventa Sicuramente per celebrare i loro fasti coloniali, l\’approccio degli inglesi non sarebbe stato lo stesso. Avrebbero rispolverato le cornamuse, i pifferi tra un grande sbattere di tacchi e l\’arroganza che li contraddistingue. Infatti, diverso è il tono usato dei tedeschi. Discreto, sommesso quasi pretesco, ma non per questo meno pervaso di orgogliosa solennità. Ne è una riprova la mostra “Dance of the Ancestors Art from the Sepik of Papua New Guinea” (resterà aperta fino al

Lo Zollverein come strumento economico di unificazione della Germania

11/05/2015 Domenico Caldaralo Pagine di Storia 0 commentI
Lo Zollverein come strumento economico di unificazione della Germania Il dibattito storiografico degli ultimi secoli sul ruolo dello Zollverein, ovvero dell’Unione doganale tedesca portata a termine su impulso dello Stato prussiano, è stato orientato a due filoni interpretativi. Un primo, espresso sul finire dell’Ottocento da Heinrich von Treitschke, ha visto nell’Unione doganale il primo passo verso l’unificazione tedesca (tesi sostanzialmente sostenuta anche da John Murphy ai giorni nostri), mentre un secondo, in contrasto con questa ipotesi, risalente alle interpretazioni di Alan John Percival Taylor

L\’oro delle nazioni: perché Germania e Olanda lo rivogliono in patria

19/12/2014 Alessandro Di Liberto Geoeconomia 3 commenti
L\’oro delle nazioni: perché Germania e Olanda lo rivogliono in patria L’oro, da sempre considerato bene rifugio nonché espressione di una ricchezza accumulata, è da qualche anno tornato al centro delle cronache economiche e dell’interesse politico. Hugo Chavez volle rimpatriare l’oro venezuelano, l’oro del Venezuela e del suo popolo. A suo tempo era ancora aleatoria la voce che dava come semi-vuoti i depositi d’oro statunitensi. Questa voce però sembra essere cresciuta nel tempo; dibattiti speculativi sulla possibilità che a Fort Knox e a New York stoccato

La problematica natura della geopolitica e il concetto di “Eurasia”

06/08/2014 Finn Andreen Opinioni & Commenti 0 commentI
La problematica natura della geopolitica e il concetto di “Eurasia” Tra le molte attività dello Stato moderno, la geopolitica è forse quella più lontana dagli interessi dell’opinione pubblica. Le ragioni di questo disinteresse hanno a che fare con la natura della geopolitica stessa. Quale esempio per illustrare queste ragioni, sembra opportuno scegliere uno dei più importanti concetti geopolitici, vale a dire quello di \”Eurasia\”. Come affermato da Zbigniew Brzezinski, \”da quando, circa cinquecento anni fa, i continenti hanno iniziato ad interagire politicamente, l\’Eurasia è stato

Unione Europea vs Eurasia: l’UE sopravvivrà alle nuove tensioni tra Est e Ovest?

17/07/2014 Côme Carpentier de Gourdon Europa 0 commentI
Unione Europea vs Eurasia: l’UE sopravvivrà alle nuove tensioni tra Est e Ovest? A seguito delle recenti elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo, i cui risultati riflettono l’ondata di euroscetticismo che dilaga nel continente e rivelano le profonde divisioni tra i Paesi membri, è utile ricordare che l’attuale Unione Europea è un compromesso tra almeno tre molto differenti, e potenzialmente opposte, visioni ispirate a diverse tradizioni strategiche e storiche: – Quella del “Sacro Romano impero”, di cui Robert Schuman, uno dei padri fondatori dell’UE, era un esponente,

I sottomarini israeliani di classe \”Dolphin\”: un potente deterrente?

19/06/2012 S. Samuel C. Rajiv Strategie, Vicino & Medio Oriente 2 commenti
I sottomarini israeliani di classe \”Dolphin\”: un potente deterrente? Generalmente si ritiene che Israele possegga il solo arsenale nucleare della regione Medio Oriente/Asia Occidentale, avendo ottenuto questo potenziale durante gli anni ’60. Ovviamente Israele non riconosce tale potenziale, non ha un’articolata dottrina nucleare, non ha pubblicamente incluso il suo potenziale di armi atomiche nella sua politica di sicurezza e non ha testato alcun dispositivo nucleare. Questa politica di “opacità nucleare” gli ha permesso di sostenere che “non sarà il primo a introdurre armi atomiche

La strategia della Russia

07/06/2012 George Friedman Eurasia 0 commentI
La strategia della Russia Il collasso dell’Unione Sovietica nel 1991 ha invertito il processo che era in corso sin dalla comparsa dell’Impero Russo nel 17esimo secolo, quello di incorporare quattro aree generali – l’Est Europa, l’Asia Centrale, il Caucaso e la Siberia – di cui l’asse San Pietroburgo-Mosca ne era il nucleo e Russia, Bielorussia e Ucraina il centro di gravità. I confini tra questi territori furono sempre dinamici, per lo più in espansione ma regolarmente contratti qualora la

Così la Thatcher cercò di fermare la Germania unita

19/05/2012 Eugenio Di Rienzo Opinioni & Commenti 0 commentI
Così la Thatcher cercò di fermare la Germania unita La pubblicazione nel dicembre del 2009 della raccolta di documenti tratti dagli archivi del Foreign Office (P. Salmon, K. Hamilton, S. Twigge, Documents on British Policy Oversas: German Reunification, 1989–1990, Routledge, pp. 592 ss., £ 90,00) getta nuova luce su uno degli aspetti più controversi della politica estera di Margareth Thatcher. La stessa «Lady di ferro» ha confessato nelle sue memorie che la sua politica in materia di riunificazione tedesca era stata un «fallimento clamoroso».

L\’integrazione di Eurasia e Berlino

17/05/2012 Natalia Meden Europa Un commento
L\’integrazione di Eurasia e Berlino “Oggi siamo partner, non amici” – è stata questa l’affermazione dell’ambasciatore russo Vladimir Grinin in Germania, durante l’incontro con giornalisti di diversi paesi, a Berlino, lo scorso aprile. Dopo molti anni a scambiarsi rassicurazioni sulla partnership strategica tra i due paesi, l’opinione maggiormente condivisa dai politici russi è la necessità di dare il via ad un atteggiamento più moderato nelle relazioni tra Russia e Germania. L’Ambasciatore russo ha ragione: non c’è alcun motivo di mentire

Produttori contro rentier: la lezione che viene dalla Grecia

07/05/2012 Daniele Scalea Europa Un commento
Produttori contro rentier: la lezione che viene dalla Grecia Le prime pagine dei giornali sono per la Francia, dove Nicolas Sarkozy ha perso la presidenza dal rivale socialista François Hollande, ma il vero terremoto politico che avrà conseguenze internazionali è avvenuto altrove, in Grecia. È comprensibile che i più in Italia guardino con malcelata soddisfazione alla caduta di Sarkozy (a dire il vero con uno scarto di voti meno ampio delle previsioni). Il presidente d\’origini ebraico-magiare, con la sua eccentrica politica di puissance, non