Montenegro: la piccola repubblica balcanica in bilico tra l’adesione all’UE e l’essere “la Russia dell’Adriatico”

03/07/2015 Ivelina Dimitrova Europa 0 commentI
Montenegro: la piccola repubblica balcanica in bilico tra l’adesione all’UE e l’essere “la Russia dell’Adriatico” Riflessioni introduttive La Repubblica di Crna Gora (letteralmente montagna nera) è l’ultimo o il penultimo Paese, a seconda se si scelga di ritenere il Kosovo uno Stato indipendente o una provincia della Serbia, nato dal cruento disfacimento dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. D’altronde non sarebbe potuto essere diversamente tenuto conto che gli orgogliosi Montenegrini si considerano “i migliori tra i Serbi”, in ricordo dell’ostinazione e della caparbietà con la quale essi si opposero, spesso

«Il conflitto russo-ucraino»: presentato in Sapienza il nuovo libro di Eugenio Di Rienzo

04/05/2015 Redazione Eurasia 0 commentI
«Il conflitto russo-ucraino»: presentato in Sapienza il nuovo libro di Eugenio Di Rienzo Venerdì 17 aprile, presso la Sala delle Lauree della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione dell’Università Sapienza di Roma, è stato presentato il nuovo libro, edito da Rubettino, dello storico Eugenio Di Rienzo dal titolo Il conflitto russo-ucraino: geopolitica del nuovo (dis)ordine mondiale. L’evento, che ha riscosso un notevole successo di pubblico, è stato organizzato congiuntamente dall’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) e dal Master in Geopolitica e Sicurezza Globale

Afghanistan: violenza in aumento, pace incerta

22/04/2015 Raghav Sharma Asia Meridionale 0 commentI
Afghanistan: violenza in aumento, pace incerta «La nostra guerra più lunga giungerà a una fine responsabile», ha dichiarato il Presidente Barack Obama durante il suo discorso di Natale, rinnovando ai suoi connazionali l’impegno di portare a una conclusione la guerra in Afghanistan. Cosa significhi precisamente l’espressione “una fine responsabile” e come questa sia realizzabile rimane poco chiaro. I Talebani, dal canto loro, son stati veloci nel cogliere l’occasione e indicare il ritiro degli Stati Uniti come un segno di “sconfitta”. Tuttavia,

L’Occidente deve porre fine all’ipocrisia e riconoscere la “Dottrina Monroe” della Russia

16/04/2015 Ilias Iliopoulos Opinioni & Commenti 0 commentI
L’Occidente deve porre fine all’ipocrisia e riconoscere la “Dottrina Monroe” della Russia Quello che segue è, in traduzione italiana, un articolo di commento comparso su \”International Affairs\”, sito in inglese della rivista del Ministero degli Esteri della Federazione Russa.   Ipotizziamo che la Guerra Fredda avesse avuto avuto un finale diverso: l\’Unione Sovietica ha prevalso e gli Stati Uniti si sono ritirati dall\’Europa occidentale e hanno persino sciolto la NATO. Ipotizziamo che – nonostante la scomparsa della minaccia USA-NATO – l\’Unione Sovietica avesse deciso di mantenere in

Le sanzioni contro la Russia, una storia che si ripete

29/01/2015 Armando Ambrosio, Dario Citati Pagine di Storia 0 commentI
Le sanzioni contro la Russia, una storia che si ripete In che misura le sanzioni adottate contro la Federazione Russa sono legate alla crisi ucraina? Se sul piano della cronologia dei fatti il legame tra questi due ordini di avvenimenti sembra non lasciare adito a dubbi, gli ostacoli politici nei rapporti commerciali tra Occidente e Russia hanno in realtà una lunga storia, che risale ai tempi della Guerra Fredda e rivela significative assonanze con il contesto odierno. Il CoCom (Coordination Committe for Multilateral Export Control)

La Repubblica Ceca: storia, presente, opportunità

23/01/2015 Alessandra Benignetti Europa 0 commentI
La Repubblica Ceca: storia, presente, opportunità La Repubblica Ceca è oggi un Paese perfettamente integrato nell’Unione Europea che presenta una crescita economica stabile ed un discreto grado di stabilità istituzionale. Viene correntemente definita una “democrazia stabilizzata” in seguito alla rapida transizione che ha portato in breve tempo il Paese fuori dall’esperienza del socialismo reale. Come Stato sovrano e indipendente, la Repubblica Ceca nasce il 1 gennaio del 1993 in seguito alla divisione pacifica dalla Slovacchia e da questa data il Paese

La posizione della Serbia nello scacchiere internazionale e geopolitico

22/10/2014 Christian Costamagna Europa 2 commenti
La posizione della Serbia nello scacchiere internazionale e geopolitico La Serbia, nel corso dell’ultimo secolo, a seconda del periodo storico e dei governanti, ha mutato varie volte la propria politica estera. Durante la Guerra fredda, la Jugoslavia socialista riuscì a sfruttare a proprio vantaggio la peculiare posizione di Paese cuscinetto tra i due blocchi. In effetti, il governo di Belgrado ottenne vantaggi ricevendo generosi prestiti dall’Occidente (a cui faceva comodo avere un Paese socialista “eretico”) senza però mai dimenticare Mosca (che lo riforniva di

La cyberwar come nuovo livello di scontro

18/01/2014 Giovanni Caprara Strategie 0 commentI
La cyberwar come nuovo livello di scontro A seguito dell’incursione cybernetica alla Sony, la rete della Corea del Nord è stata oscurata per più di nove ore, forse causata da un attacco hacker. La notizia del ritorno al normale esercizio di internet è stata diffusa da esperti statunitensi. Pyongyang non ha rilasciato commenti ufficiali. Il blackout è avvenuto qualche giorno dopo che Barack Obama aveva annunciato una \”risposta proporzionale\” ai recenti attacchi hacker contro la Sony Pictures, sembra ad opera del governo

Kiev, la nuova “Stalingrado” della Russia

30/12/2013 Eliseo Bertolasi Opinioni & Commenti 0 commentI
Kiev, la nuova “Stalingrado” della Russia Dal nostro corrispondente a Kiev Il 21 novembre 2013 Kiev ha sospeso la stesura dell’accordo di associazione UE-Ucraina. Tale è stata la decisione del Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina. Inoltre, sono state date istruzioni ai ministeri competenti per riprendere il dialogo con i Paesi membri dell’Unione Doganale1. Era impossibile non prevedere, come reazione a questo preciso atto politico, un’esplosione di protesta da parte, soprattutto, dei sostenitori dell’integrazione europea. Da quella data, manifestazioni di massa si susseguono

L’industria europea della difesa. Affrontando il futuro

22/11/2013 Federico Yaniz Velasco Strategie 0 commentI
L’industria europea della difesa. Affrontando il futuro Introduzione Le industrie della difesa nell’Unione Europea si trovano a un bivio. Tra le cause di questa situazione ci sono la crisi economica, la riduzione del budget della difesa, l’eccesso di capacità produttiva rispetto alla domanda interna e la concorrenza nei mercati internazionali delle potenze emergenti. A quanto esposto in precedenza, è necessario aggiungere l’indefinita \”Politica Comune di Sicurezza e Difesa\” (PCSD) dell’UE e la volontà della Commissione Europea di intervenire nel mercato della Difesa.