<a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27187/il-professor-marcelo-gullo-in-italia/"><b>Il Professor Marcelo Gullo in Italia</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27059/il-movimento-dei-paesi-non-allineati-e-le-sfide-attuali-intervista-a-kouroush-ahmadi/"><b>Il Movimento dei Paesi non Allineati e le sfide attuali. Intervista a Kouroush Ahmadi</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27169/multi-e-bilateralismo-le-opzioni-della-politica-estera-italiana-convegno-alla-camera-il-12-dicembre/"><b>Multi- e bilateralismo: le opzioni della politica estera italiana. Convegno alla Camera il 12 dicembre</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27106/1965-2015-cinquantanni-di-quebec-in-italia-l11-dicembre-alla-camera-dei-deputati/"><b>1965-2015: Cinquant’anni di Québec in Italia. L’11 dicembre alla Camera dei Deputati</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/26869/osservatorio-di-attualita-geopolitica-ciclo-di-seminari-in-sapienza/"><b>«Osservatorio di attualità geopolitica»: ciclo di seminari in Sapienza</b></a>
 

Repubblica Centrafricana: peculiarità, cause e prospettive di una crisi

21/11/2014 Marianna Griffini Africa 0 commentI
Repubblica Centrafricana: peculiarità, cause e prospettive di una crisi La Repubblica Centrafricana, Stato indipendente dal 1960, presenta una storia di protratta instabilità politica ed economica. Povertà, corruzione, traffici illeciti di risorse naturali preziose, incapacità di governare e contrasti di radice religiosa sono infatti da annoverarsi tra le cause della profonda crisi che affligge il Paese. Questo articolo si propone di analizzare le peculiarità delle crisi attuale, identificare le sue cause remote e prossime e delineare possibili scenari in cui la situazione attuale potrebbe evolvere.

Nuova brigata di intervento nel Congo: passo avanti dell’ONU nei Grandi Laghi

19/06/2013 Jorge Bolaños Martínez Africa 0 commentI
Nuova brigata di intervento nel Congo: passo avanti dell’ONU nei Grandi Laghi Grazie alle notizie che continuano ad arrivare dalla Repubblica Democratica del Congo, abbiamo potuto constatare ancora una volta che si tratta di un Paese che appartiene ad una regione che, sfortunatamente per i suoi abitanti, da decenni è associata al conflitto e alla violenza più efferata di un gruppo di cittadini contro altri. Infatti, nella zona limitrofa al Ruanda si è registrato il più alto numero di vittime in un conflitto dai tempi della Seconda

Sport, rito e diplomazia

13/06/2013 Matteo Finotto Geopolitica & Teoria 0 commentI
Sport, rito e diplomazia Sabato 8 giugno 2013 l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) ha curato, all’interno della manifestazione “Sport Against Violence” svoltasi presso le Terme di Caracalla, la conferenza “Mediterraneo e Asia Centrale: prospettive geopolitiche nella transizione uni-multipolare“. Tra i relatori Matteo Finotto, ricercatore associato dell’IsAG, di cui riportiamo il testo dell’intervento.   Per fugare ogni dubbio sulla centralità del rapporto tra sport e diplomazia è sufficiente riascoltare le parole che il segretario delle

Il rapporto del Comitato per la Revisione Interna dell’ONU e l’urgente bisogno di trasparenza dello Sri Lanka

29/03/2013 Thiruni Kelegama Asia Meridionale 0 commentI
Il rapporto del Comitato per la Revisione Interna dell’ONU e l’urgente bisogno di trasparenza dello Sri Lanka Il rapporto del Comitato per la Revisione Interna delle Nazioni Unite è stato pubblicato un anno dopo che l’auto-nominata Commissione di Indagine sulle Lezioni Imparate e la Riconciliazione (Lessons Learnt and Reconciliation Commission – LLCR) dello Sri Lanka aveva sottoposto i risultati della propria indagine al Presidente Mahinda Rajapaksa. La LLCR venne costituita nel maggio 2010 per indagare sugli eventi a cavallo tra il “cessate il fuoco” del 2002 con le Tigri per la Liberazione

Palestina: natura di un osservatore

Palestina: natura di un osservatore La Palestina all’ONU: finalmente Stato? Il voto con cui, il 29 novembre scorso, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato l’ammissione della Palestina quale Stato osservatore, ha generato una serie di commenti non solo sulle ricadute geopolitiche dell’evento, ma altresì in ordine ai profili giuridico-istituzionali di una scelta che autorevoli analisi hanno definito in realtà “un upgrading”1. In effetti, nel corso dei 65 anni esatti che separano i fatti in questione dalla data in cui

I 10 maggiori eventi di politica internazionale del 2012

31/12/2012 Redazione Geopolitica & Teoria 0 commentI
I 10 maggiori eventi di politica internazionale del 2012 Si chiude quest’oggi il 2012 e la redazione di “Geopolitica” vuole riassumerlo in dieci avvenimenti di politica internazionale; dieci avvenimenti che si sono distinti non tanto o non solo per la loro importanza in sé, quanto per le dinamiche di più lungo periodo che soggiaciono ad essi. Eccoli di seguito, in ordine inverso d’importanza dal decimo al primo. Siete d’accordo con le nostre scelte? Fateci sapere la vostra opinione aggiungendo i vostri commenti in basso

Diritti umani e valori asiatici: un’introduzione al dibattito

07/11/2012 Donatella Ilario Estremo Oriente
Diritti umani e valori asiatici: un’introduzione al dibattito Sono trascorsi 64 anni dal 10 dicembre 1948, giorno della solenne deliberazione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che approvava e proclamava la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, e da allora sono stati formulati a proposito circa 80 convenzioni e atti. La Dichiarazione inaugura, infatti, il processo di internazionalizzazione dei diritti degli individui e dei popoli, che si costituiscono sul piano normativo come principi prioritari rispetto alla sovranità e agli interessi degli Stati. Oggi, tuttavia, l’universalità

Le trasformazioni del dialogo: dal bipolarismo ideologico al bipolarismo “civilizzazionale”

02/11/2012 Hans Köchler Geopolitica & Teoria 0 commentI
Le trasformazioni del dialogo: dal bipolarismo ideologico al bipolarismo “civilizzazionale” Il testo che segue è quello della presentazione di Hans Köchler, fondatore e presidente dell’International Progress Organization (e membro del Comitato Scientifico di “Geopolitica”), alla sessione inaugurale del 10o Forum di Rodi, cui hanno preso parte anche due rappresentanti dell’IsAG, Daniele Scalea e Tiberio Graziani. Quest’ultimo ha avuto anche occasione d’intervenire in una delle tavole rotonde tematiche: il testo del suo intervento è già stato pubblicato.   Presidente Jakunin, Eccellenze, Amici, Signore e Signori, in

I numeri di Rio+20: tanto rumore per nulla?

01/08/2012 Roberto Venafro Geoeconomia 0 commentI
I numeri di Rio+20: tanto rumore per nulla? L’atteso vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile si è concluso poco più di un mese fa (13-22 giugno 2012). Il primo “summit della Terra”, anch’esso svoltosi a Rio de Janeiro nel 1992, terminò con una “Dichiarazione sull’Ambiente e lo Sviluppo” e con una grande prospettiva: attivare, entro il XXI secolo, iniziative di sviluppo sostenibile a livello nazionale, territoriale, regionale attraverso un programma denominato “Agenda XXI” che consentisse il passaggio dalla dimensione globale a quella locale (“Pensiamo

Dopo 16 mesi di lotta, lo stallo siriano

15/07/2012 Nicolò Perazzo Vicino & Medio Oriente 0 commentI
Dopo 16 mesi di lotta, lo stallo siriano Dopo sedici mesi di conflitto iniziato nel febbraio 2011, la situazione, nel Bilâd ash-Shâm non tende a migliorare nonostante i vari tentativi da parte della Comunità Internazionale, e con il passare del tempo quelle che inizialmente erano manifestazioni di protesta contro il regime per la “libertà”, la disoccupazione, la fame, la corruzione, la povertà, si sono trasformate in violenze e scontri a fuoco tra l’esercito e gli attivisti, diffondendosi in tutto il territorio siriano, e