<a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27000/repubblica-centrafricana-peculiarita-cause-e-prospettive-di-una-crisi/"><b>Repubblica Centrafricana: peculiarità, cause e prospettive di una crisi</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27112/russia-e-italia-nella-prima-guerra-mondiale-dalla-storia-alla-geopolitica-il-convegno-al-centro-russo-di-scienza-e-cultura/"><b>Russia e Italia nella Prima Guerra Mondiale: dalla storia alla geopolitica. Il convegno al Centro Russo di Scienza e Cultura</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27106/1965-2015-cinquantanni-di-quebec-in-italia-l11-dicembre-alla-camera-dei-deputati/"><b>1965-2015: Cinquant’anni di Québec in Italia. L’11 dicembre alla Camera dei Deputati</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27076/le-grandi-infrastrutture-eurasiatiche-il-27-novembre-forum-euro-russo-alla-camera/"><b>Le grandi infrastrutture eurasiatiche: il 27 novembre Forum Euro-Russo alla Camera</b></a> <a href="http://www.geopolitica-rivista.org/27030/1965-2015-cinquantanni-di-quebec-in-italia/"><b>1965-2015: Cinquant’anni di Québec in Italia</b></a>
 

Il consolidamento democratico in Libia e Tunisia. La conferenza alla Camera

01/05/2014 Redazione Vicino & Medio Oriente 2 commenti
Il consolidamento democratico in Libia e Tunisia. La conferenza alla Camera Mercoledì 16 aprile 2014 si è tenuta a Roma presso la Sala delle Colonne di Palazzo Marini (Camera dei Deputati) la conferenza Il consolidamento democratico in Libia e Tunisia: il ruolo dell’Italia, organizzata dall’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) nell’ambito del ciclo “Mare Nostrum – Piattaforma di dialogo mediterraneo”. Scopo dell’incontro delineare come il nostro paese possa concorrere alla stabilizzazione dei due vicini nordafricani, entrambi interessati da un cambio di regime

Perché Obama ha fallito in Medio Oriente

06/09/2013 Daniele Scalea Opinioni & Commenti Un commento
Perché Obama ha fallito in Medio Oriente Il 24 agosto scorso il “Wall Street Journal”, quotidiano newyorkese della Dow Jones, ha pubblicato un articolo a firma di Walter Russell Mead dal titolo The Failed Grand Strategy in the Middle East. Mead, professore di Politica estera statunitense al Bard College, è uno studioso molto influente che collabora regolarmente con varie testate ed enti, tra cui il Council on Foreign Relations. Nell’articolo s’interroga sui motivi del fallimento della strategia di Barack Obama nel Vicino

La contro-rivoluzione in Egitto e le sue ripercussioni sul Medio Oriente

14/08/2013 Ernest Sultanov Opinioni & Commenti Un commento
La contro-rivoluzione in Egitto e le sue ripercussioni sul Medio Oriente L’Egitto è la chiave di lettura dei cambiamenti nel Medio Oriente. Si tratta non soltanto del Paese arabo più popolato dell’area, ma anche di quello più progredito dal punto di vista dello statalismo. A differenza dagli altri Paesi della zona che divennero autonomi nel corso del Novecento, l’Egitto conobbe l’esperienza dello Stato già nei primi dell’Ottocento. A metà del secolo passato, con il Presidente Nasser, per un certo periodo il Cairo rimase il centro dell’integrazione

Da Tahrir a Taksim: il carosello delle rivolte nella periferia mediterranea

10/06/2013 Daniele Scalea Opinioni & Commenti Un commento
Da Tahrir a Taksim: il carosello delle rivolte nella periferia mediterranea Il cerchio sembra essersi chiuso. I tumulti sono arrivati in Turchia: proprio in quella Turchia che era stata indicata come il modello d’islamismo – moderato, democratico e sunnita – per i nuovi regimi arabi post-rivoluzionari. Proprio in quella Turchia che a molti osservatori era apparsa come il principale precursore e nel contempo vincitore delle rivolte arabe. Gli eventi degli ultimi mesi rivelano come tutti i paesi e le forze autoctone coinvolte siano state in realtà

La lezione iraniana per gli Arabi: il necessario dialogo dentro la civiltà

29/04/2013 Ghoncheh Tazmini Vicino & Medio Oriente 0 commentI
La lezione iraniana per gli Arabi: il necessario dialogo dentro la civiltà Il testo seguente è la traduzione italiana del saggio redatto dalla politologa irano-portoghese Ghoncheh Tazmini e letto in occasione della conferenza “Thinking Out of the Box“, svoltasi a Braga e Oporto il 21 e 22 febbraio scorsi nell’ambito del progetto NEPAS patrocinato dall’IsAG.   Introduzione Le rivolte che hanno interessato gran parte del mondo arabo negli ultimi due anni hanno introdotto notevoli cambiamenti nella regione, come la deposizione di capi di Stato in alcuni paesi

Prospettive nell’area mediterranea: l’8 aprile all’Università Roma Tre

27/03/2013 Redazione Vicino & Medio Oriente 0 commentI
Prospettive nell’area mediterranea: l’8 aprile all’Università Roma Tre L’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG), assieme al progetto NEPAS (New European Policies to face the Arab Spring), all’Università degli Studi di Roma Tre, a Peacekeeping & Security Studies e a C.I.A. Lab, organizza per lunedì 8 aprile 2013, alle ore 12.30, presso l’Aula 2A di Via Gabriello Chiabrera 199 dell’Università di Roma Tre, la conferenza Dopo le rivolte arabe. Prospettive nell’area mediterranea. Interverranno come relatori: Maria Luisa Maniscalco (Università degli

L’UE di fronte al nuovo mondo arabo: è cominciata a Braga la prima conferenza NEPAS

21/02/2013 Redazione Europa Un commento
L’UE di fronte al nuovo mondo arabo: è cominciata a Braga la prima conferenza NEPAS Si è svolta oggi la giornata inaugurale di Thinking Out of the Box. Devising New European Policies to Face the Arab Spring, prima conferenza di NEPAS, progetto condotto da IsAG (Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie), Universidade do Minho e Università di Roma Tre grazie al supporto del Lifelong Learning Programme dell’Unione Europea. Si tratta di un ambizioso progetto transeuropeo la cui finalità è elaborare per l’Unione una nuova politica mediterranea che

L’evoluzione della convivenza inter-confessionale nel Vicino Oriente: prospettive e risvolti geopolitici

25/01/2013 Giacomo Guarini Vicino & Medio Oriente 0 commentI
L’evoluzione della convivenza inter-confessionale nel Vicino Oriente: prospettive e risvolti geopolitici Lunedì 10 dicembre 2012 Giacomo Guarini, direttore del programma di ricerca “Dialogo di civiltà” dell’IsAG, è intervenuto al convegno Dopo le “Primavere arabe”: il nuovo quadro del Vicino Oriente, svoltosi presso la sede del CASD presso Palazzo Salviati, Roma. Proponiamo di seguito il testo della sua relazione.   Dovendo trattare della convivenza inter-confessionale nell’area, alla luce dei grandi cambiamenti avuti luogo a partire dalla fine del 2010, proverò a presentare un’agile e purtroppo incompleta panoramica

La Turchia e la Primavera Araba: una analisi del soft power turco

07/01/2013 Antonio Cocco Vicino & Medio Oriente 0 commentI
La Turchia e la Primavera Araba: una analisi del soft power turco La diffusione dei movimenti di protesta contro i regimi autoritari del Nord Africa e del Vicino e Medio Oriente ha creato nuovi spazi per il dispiegarsi dell’influenza turca nella regione. I partiti politici saliti al potere dopo la cacciata dei tiranni hanno cercato una piena legittimazione internazionale annunciando come il loro modello sarebbe stata la Turchia, indicata come felice esempio di conservatorismo, capitalismo e partecipazione democratica. Ankara ha così guadagnato una forte presa sulle società

Il nuovo Vicino Oriente raccontato a Milano

18/12/2012 Redazione Vicino & Medio Oriente Un commento
Il nuovo Vicino Oriente raccontato a Milano Lunedì 17 dicembre l’elegante sede milanese dello Studio Legale Sutti, in Via Montenapoleone, ha ospitato la conferenza dell’IsAG Il nuovo Vicino Oriente: cosa è cambiato dopo le “Primavere”?. Chiamati a discuterne Paolo Luigi Branca, professore associato d’Islamistica e Lingua e letteratura araba all’Università Cattolica di Milano, Antonella Appiano, giornalista specializzata sul Levante mediterraneo e inviata del quotidiano “L’Indro”, Simona Cazzaniga, socia dello Studio Legale Sutti, e Eliseo Bertolasi, ricercatore associato dell’IsAG e dottorando in Antropologia